Guarda il video dell’intervento del Dott. Massimo Biribicchi all’Associazione Industriali di Arezzo in occasione del convegno: “Oreficeria ed Innovazione: Sviluppi possibili ed opportunità di finanziamento”

Mercoledì 05 maggio c.a. si è svolto presso la sala delle conferenze di Confindustria Arezzo un incontro sul tema “Oreficeria & Innovazione. Sviluppi possibili ed opportunità di finanziamento”.

I temi trattati sono stati vari ma soprattutto si è dibattuto su come reagire di fronte alla più prolungata fase di crisi mai attraversata dal settore orafo e su quali sono le competenze innovative che devono possedere le risorse umane presenti in azienda per poter affrontare le nuove sfide che impone il mercato.

L’incontro promosso dall’Associazione Industriali di Arezzo in collaborazione con ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e in partenariato con il CNA di Arezzo, ha visto la partecipazione di numerosi imprenditori e giovani studenti universitari e di corsi professionali.

Il seminario ha inteso illustrare alle aziende del settore orafo le potenzialità ed i vantaggi in termini di innovazione e di vantaggio competitivo che possono essere raggiunti con l’utilizzo di queste tecnologie per la progettazione di modelli ad alto contenuto di design.

Dopo la presentazione del Presidente della Sezione Orafi di Confindustria Arezzo, Dario Micheli, sull’argomento sono intervenuti l’Ing. Sergio Petronilli dell’ENEA che ha illustrato gli ultimi ritrovati in termini di progettazione e prototipazione con sistemi di rapid prototiping e L’Arch. Cristina Cacioli, Designer orafo, che ha parlato delle ultime tendenze nel mondo del design dei gioielli. Hanno poi portato la loro testimonianza su possibili strategie per uscire dalla crisi,il Sig. Piero Nappini, Titolare del marchio CHIMERA ORO, e il Presidente di GRAZIELLA Group SpA Gianni Gori.

In questo ambito si è avuto anche l’intervento del Dott. Massimo Biribicchi che ha illustrato un analisi sui possibili modelli di innovazione, non all’interno solo del settore orafo, presentando il caso pratico relativo al Progetto “TESEO” che vede la partecipazione di sei aziende sia del distretto orafo aretino che di quello tessile pratese.

Nello specifico si è illustrato come partendo, da un innovazione di prodotto e di processo, sia possibile mettere a frutto anche un nuovo modello organizzativo e distributivo che permetta di mettere in pratica concetti relativi ad una rete di aziende che sia trasversale fra professionalità del pubblico e del privato.

Il progetto, che ha visto un posizionamento positivo all’interno del BANDO UNICO R&S 2009, è sostenuto dalla REGIONE TOSCANA con un finanziamento a fondo perduto di oltre 708.000,00€.

Ha concluso i lavori l’Assessore al Lavoro e alla Formazione della Provincia di Arezzo, Carla Borghesi.

лобановский александр досьекак правильно пользоваться бронзерамиtranslate from russianгде лучше покупать планшетанализ ключевых слов googleслово подборfree online slots no downloads

Please follow and like us: